Notizie giugno 2008

Notizie Giugno 2008
Giugno 2008
Due recenti interviste a Joao Pedro Stedile
Nella intervista cartacea del 13 maggio (10 domande a Joao Pedro Stedile), Stedile si sofferma in particolare sulla opzione in favore dell'agroecologia del MST e sul rapporto con Greenpeace.
Nella intervista che trovate su internet agli indirizzi qui sotto indicati, divisa in 7 parti, Stedile dimostra la legittimità e la legalità delle lotte del MST e di Via Campesima, spiegando come i lavoratori difendano, manifestando contro le transnazionali, i diritti del popolo brasiliano ai beni comuni. I lavoratori difendono la Costituzione contro le violazione operate dalle transnazionali.

Annullata la licenza di installazione della idroelettrica di Estreito
20 Giugno
Dopo molta pressione popolare e varie occupazioni e proteste, la Giustizia Federale del Maranhão ha annullato la licenza di installazione della impresa idroelettrica Estreito al confine con il Tocantins. I lavori sono fermi dal giorno 17 e la disobbendienza nei confronti del provvedimento può portare a una multa di 15 milioni di real per le imprese Vale, Alcoa, Tractebel e Camargo Correa, che formano il consorzio di Estreito Energia. Si tratta del più grande impianto in costruzione nel paese. La decisione del giudice annulla la licenza di installazione con la motivazione che esistono irregolarità nelle procedure. Il giudice rinvia ulteriori decisioni alla conclusione di nuovi studi di impatto ambientale che verranno svolti in un' ampia area comprendente tutti i comuni interessati dalla costruzione dell'impianto.

Moratoria sul commercio della soia proveniente da aree recentemente deforestate in Amazzonia
19 Giugno
Dopo l'allarme dovuto ai recenti picchi di deforestazione in Brasile, Greenpeace valuta positivamente la decisione delle associazioni dei commercianti di soia di estendere fino al luglio 2009 la moratoria sul commercio della soia proveniente da aree recentemente deforestate in Amazzonia, anche grazie all'azione del nuovo Ministro dell'Ambiente Brasiliano CarlosMinc.
http://www.greenpeace.org/italy/ufficiostampa/comunicati/amazzonia-moratoria-soia

Rio Grande do Sul - Sgomberi a Coqueiros do Sul
17 Giugno
Sgomberi in due aree che erano state cedute da piccoli proprietari a famiglie accampate. Le baracche e le coltivazioni sono state distrutte, gli animali dispersi. Le famiglie sono state mandate sul bordo della strada a Sarandi. Il clima è teso. Si aspettano altri sgomberi. Il coordinamento del MST del Rio Grande del Sud manda un appello agli Amici e Amiche della lotta per la terra.

Giornate di lotta dei movimenti sociali contro le transnazionali e l'agrobusiness - valutazione
10/12 Giugno
"Siamo riusciti a mettere in primo piano la discussione sul modello di società. Vogliamo discutere un modello di sovranità energetica e alimentare per il paese". Questa è la valutazione di André Sartori, del coordinamento nazionale del MAB (movimento delle persone danneggiate dalle dighe). Le mobilitazioni organizzate da Via Campesina e dalla Assemblea Popolare sostengono la necessità di un cambiamento del modello economico e di un rafforzamento dell'economia contadina per produrre alimenti a buon mercato per la popolazione. Le proteste sono state realizzate in 13 stati: Pernambuco, Paraíba, São Paulo, Rio Grande do Sul, Minas Gerais, Bahia, Ceará, Espírito Santo, Santa Catarina e Alagoas. I manifestanti hanno promosso occupazioni di terra e di idroelettriche, blocchi stradali e ferroviari. Rappresentanti di Via Campesina e della Assemblea Popolare hanno fatto un bilancio positivo delle azioni realizzate a partire dal 10 giugno. Secondo Sartori le proteste hanno aiutato a demistificare l'illusione che i "grandi progetti come la costruzione delle imprese idroelettriche portano sviluppo al paese. Denunciamo il fatto che questo modello concentra ricchezza e che queste imprese concentrano ricchezza" afferma. L'aspetto negativo riguarda la repressione violenta delle azioni nel Rio Grande del Sud e a São Paulo.
(Articolo sulle giornate di lotta 2008)

La speculazione causa la crisi degli alimenti - intervista a Egidio Brunetto
10 Giugno
Brunetto dice che la speculazione finanziaria ha causato la crescita dei prezzi degli alimenti nel mondo. I prodotti agricoli sono diventati commodity che ora sono vendute nelle borse valori sotto forma di azioni. Grandi speculatori controllano il 60% del grano, per esempio. Esiste una produzione di alimenti in eccesso a livello internazionale. Brunetto non è d'accordo con il presidente Lula che attribuisce l'aumento del prezzo degli alimenti alla crescita del consumo. "Come può una famiglia che riceve dal governo una borsa di 60 real aumentare i consumi, se il prezzo degli alimenti è raddoppiato? Il consumo di alimenti è diminuito. È aumentato il prezzo di fagioli, riso, carne, olio. Come è possibile consumare di più?
http://www.mst.org.br/mst/pagina.php?cd=5381

I ricchi hanno perso la paura dei poveri
Plinio de Arruda Sampaio, 9 Giugno
La crescita dei prezzi degli alimenti è venuta per restare. Siamo di nuovo di fronte a una prospettiva di crisi di fame acuta nei paesi più poveri. Una situazione simile nel 1975 portò alla Conferenza Mondiale dell'Alimentazione le cui proposte furono fallimentari. Stavolta i capi di stato se la sono sbrigata in tre giorni, riunendosi a Roma. Di fronte alla richiesta di 30 miliardi di dollari del direttore generale della FAO, i capi di stato hanno risposto che ne possono bastare 10. Se avessero accettato la proposta dei 30 miliardi, il problema sarebbe stato temporaneamente attenuato ma non certo risolto. La fame si risolve con la riforma agraria, la pianificazione agricola, prezzi amministrati, educazione e salute per la popolazione delle campagne. Ma realizzare tutto questo colpirebbe gli interessi dei potenti proprietari rurali e delle multinazionali dell'agroindustria

Vertice FAO e forum parallelo Terra Preta
1-5 Giugno
Dal 3 al 5 giugno si è svolto a Roma un vertice della Fao su cambiamenti climatici, prezzi dei prodotti alimentari, agrocombustibili, All'incontro hanno partecipato tra gli altri il presidente brasiliano Lula (che è venuto a sostenere la scelta brasiliana per gli agrocarburanti, che secondo lui non hanno niente a che vedere con la crescita dei prezzi degli alimenti) e il ministro dello sviluppo agrario Cassel. Parallelamente, a partire dal 1 giugno, c'è stato, alla città dell'altraeconomia, un vertice dei movimenti e delle organizzazioni sociali a cui hanno partecipato Via Campesina e per il MST Alvaro Santin, molto critici nei confronti dei risultati del vertice ufficiale (per maggiori notizie sui vertici Politiche vuote per piatti vuoti). Rappresentanti di Amig@s MST ITALIA, in occasione di una visita del ministro Cassel al forum parallelo, gli hanno consegnato La lettera aperta sull'Amazzonia (vedi)
Documento finale del vertice parallelo "terra preta".