Marcia dei Sem Terra a Brasilia 2005

Marcia dei Sem Terra a Brasília
MST: 20 anos de lutas, conquistas e dignidade!
São Paulo, 3 de março de 2005
Seconda lettera agli amici e amiche, gruppi e comitati di appoggio al MST in Europa e nell'America del Nord

Cari amici/amiche,
Come sapete, stiamo preparando attivamente la nostra marcia a Brasilia. La marcia ha come obiettivo principale quello di accelerare il processo di riforma agraria in Brasile. La necessità di fare pressione sul Governo Lula è diventata ancora più evidente negli ultimi mesi. Prova di questo sono i casi di violenza, come l'assassinio della Sorella Dorothy, i conflitti nello stato del Pernambuco, il massacro nello stato di Minas Gerais, gli sgomberi violenti avvenuti a São Paulo, nel Mato Grosso do Sul e in altri stati, le carcerazioni di dirigenti contadini nello stato di Santa Catarina e altri eventi che sono a conoscenza della società brasiliana e internazionale.
Il fatto più recente è il taglio nel bilancio del Ministero dello Sviluppo Agrario, responsabile del processo di riforma agraria. Il Ministero del Bilancio ha annunciato un taglio di 2 miliardi rispetto allo stanziamento previsto che era di 3,7 miliardi. Questo significa che non ci saranno le condizioni di insediare più di 40.000 famiglie, una cifra molto inferiore alla meta che era di 115.000 secondo il Piano di Riforma Agraria. Tutto questo per garantire il pagamento del debito estero e interno e gli accordi con il FMI.
Vi diamo di seguito alcune informazioni sul processo di preparazione e su ciò che speriamo dalla solidarietà e dall'appoggio dei nostri gruppi e comitati di appoggio all'estero.

1. Preparazione nella base del MST
Tutti gli stati si stanno preparando. Le attività vanno dalla donazione di prodotti, dalle campagne portate avanti con i sindacati, le chiese, i comuni e altre organizzazioni locali, alla vendita di materiali divulgativi, fino alle discussioni negli accampamenti e negli insediamenti sugli obiettivi e la necessità di realizzare questa marcia.
C'è un sentimento generalizzato nella base sociale del MST della necessità di mobilitare i settori più impoveriti per fare pressione sul Governo. La mistica, intorno alla marcia nazionale, cresce di giorno in giorno, è presente nell'azione di ogni militante ed è argomento di discussione in ogni accampamento e insediamento del MST.
Spetta agli stati ottenere risorse per il trasporto dei marciatori fino a Goiânia e per il ritorno nei rispettivi stati; garantire il cibo per tutti i partecipanti del proprio stato e i materiali per la cucina e per il primo soccorso. Ogni marciatore, individualmente, deve portarsi vestiti e scarpe adeguate (sandali).
Ci sono stati mutamenti nelle previsioni metereologiche relative a Brasilia e alla sua regione, nel periodo della marcia. Inizialmente si prevedeva molta pioggia e quindi tra i materiali necessari c'erano impermiabili. Ma il clima sta mutando. Al momento della marcia, la fase delle pioggie sarà terminata e si prevede invece molto sole.
Questo significa che i marciatori dovranno camminare a partire dall'alba (circa dalle 5) fino alle 10 o alle 11, quando il sole diventa molto forte. Per evitare insolazioni, il consiglio è che ogni partecipante abbia un cappello a larghe falde, non basta il berrettino del MST. Dobbiamo anche garantire la disponibilità di molta acqua durante la camminata.
L'informazione che arriva dagli stati è che l'animazione e la motivazione sono molto forti. Tutta la nostra base vuole partecipare. È difficile garantire il rispetto dei criteri per la selezione di chi parteciperà. Se ne avessimo i mezzi potremmo duplicare il numero dei marciatori.

2. Programmazione
15 aprile: saranno realizzati grandi atti pubblici nelle principali capitali degli stati: São Paulo, Rio de Janeiro, Belo Horizonte, Salvador, Recife, Fortaleza, Porto Alegre e altre.
16 aprile: trasferimenti in autobus a Goiânia;
17 aprile: lancio ufficiale della Marcia a Goiânia;
18 aprile: inizio della marcia
30 aprile - 4 maggio: accampamento a Brasília.
La marcia è concepita come un grande corso di formazione politica. Ogni giorno, dopo pranzo, ci sarà attività di formazione, sia nelle città dove i marciatori saranno accampati, sia all'interno dello stesso accampamento.

3. Appoggio
Sia a livello nazionale, come negli stati e nei comuni, stiamo ottenendo l'appoggio della società civile organizzata, attraverso la donazione di alimenti e materiali, e nella mobilitazione finalizzata alla partecipazione alla ultima settimana della marcia. Movimenti della Via Campesina brasiliana, come MMC, MPA, MAB si uniranno a noi così come gli studenti della UNE si stanno organizzando per accompagnarci in bicicletta.

4. Costi
La maggior parte dei costi sarà coperta dagli stati e questo è impossibile da calcolare. Tutti si sono impegnati a portare la loro quota di partecipanti, stabilita proporzionalmente e a garantire le risorse minime.
Stimiamo che il costo di ciascun marciatore è di 1000 reais (cibo, trasporto, materiale didattico, farmaci, vestiario e scarpe).
Ci sono costi tuttavia che devono essere garantiti a livello nazionale. Come per esempio:
- capannoni (cercheremo di averli in prestito, ma come garanzia, dovremo comprare almeno 5 tendoni grandi, tipo quelli del circo)
- combustibile per i camion che caricheranno gli zaini dei marciatori e l'equipaggiamento delle cucine ecc.
- Pentoloni
- gas per cucinare
- materiali per studiare: quaderni, penne, manuale del marciatore ecc.
- cellulari e radio per comunicare durante la marcia
- camion con altoparlanti: combustibile e pagamento autisti
- mistica
- sanità: bisogna prevedere spese extra, al di là di quello che i partecipanti porteranno dagli stati
- pubblicazione di 1 milione e mezzo di opuscoli e giornali per divulgare gli obiettivi della marcia nelle città in cui essa passerà e a Brasilia.
- Mantenimento di un gruppo di 50 compagni che staranno a Goiânia a partire dall'inizio di aprile, preparando l'arrivo nelle varie città.
- Viaggi di ritorno a casa per chi avrà problemi di salute durante la marcia
- Integrazione nell'alimentazione. Gli stati più poveri porteranno il minimo per l'alimentazione. Bisogna prevedere di integrare queste scorte con frutta e verdura, farina per il pane ecc.
Tutto questo per 10.000 persone. Il bilancio minimo è di 839.000,00, reais al di là di quello che li stati si assumeranno.
Per questo abbiamo bisogno di appoggio non solo politico ma anche economico. Bisogna ricordare anche che molte di queste spese devono essere fatte in anticipo rispetto alla marcia. Se dobbiamo comprare materiali in grande quantità dobbiamo ordinarli almeno con un mese di anticipo.

5. Notizie sull'appoggio dall'estero
Vari comitati ci hanno inviato informazioni sulle attività che stanno realizzando in ogni paesi. Alcuni hanno già inviato contributi.
La prossima settimana invieremo una terza comunicazione con l'informazione sulle attività e con suggerimenti di azioni da realizzare durante la marcia e alla sua conclusione, in ogni paese.
Chiediamo a tutti quelli che non lo abbiano ancora fatto che inviino informazioni in modo che possiamo socializzarle e inviarle a tutti gli altri

Un forte abbraccio in nome del MST.

João Pedro Stedile / Egidio Bruneto
P/Direção Nacional do MST

Judite Strozake / Dulcinéia Pavan
P/Secretaria Nacional e Setor de Relações Internacionais do MST