Marcia dei Sem Terra a Brasilia 2005

Marcia dei Sem Terra a Brasília
MST: 20 anos de lutas, conquistas e dignidade!
São Paulo, 26 Aprile 2005
Quarta lettera agli amici e amiche, gruppi e comitati di appoggio al MST in Europa e nell'America del Nord

Cari amici/amiche,
Ci stiamo avvicinando alla data della Marcia a Brasilia. Continua l'animazione nella base del MST, negli stati molte persone vogliono manifestare la loro insoddisfazione di fronte alla politica economica del governo Lula e al fatto che gli obiettivi della riforma agraria non sono stati realizzati. Il taglio di 2 miliardi nel bilancio del MDA-Ministero dello Sviluppo Agrario è prova del fatto che non sono priorità dell'attuale governo né la riforma agraria né l'agricoltura familiare. D'altro lato, richiama l'attenzione la rapida negoziazione dei debiti dei grandi produttori di soia del centro-est, con la Banca del Brasile, valutate in 6 miliardi, mentre i piccoli agricoltori, colpiti dalla siccità nel sud del paese non hanno avuto nessun programma di aiuto d'emergenza.

Di fronte a questa inattività, cresce la violenza nelle campagne, con azioni dei settori più violenti del latifondo che hanno deciso di agire per conto proprio e sono tornati a praticare crimini odiosi, come il massacro di Felisburgo e l'assassinio di Irmã Dorothy. Preoccupa anche l'aumento della repressione ai movimenti sociali, come nel caso degli arresti dei dirigenti del MAB (Movimento delle persone danneggiate dalla dighe).

Tutto questo sommato all'offensiva dei grandi mezzi di comunicazione che si sono sempre collocati al fianco dei grandi gruppi economici e dei latifondisti. Quella che è in corso è una lotta ideologica permanente nei mezzi di comunicazione con il chiaro obiettivo di esigere che il governo Lula controlli il MST e, allo stesso tempo, che il Movimento perda l'appoggio della società e della popolazione in genere.

Nei vari movimenti sociali si percepisce un'onda di infiltrazioni e di provocazioni per generare divisione. E' la vecchia politica della classe dominante che si manifesta attraverso le forze conservatrici e le polizie degli stati.

Per i movimenti sociali, la sfida è come continuare a lottare per ottenere conquiste e miglioramenti delle condizioni di vita della loro base sociale, senza radicalizzare la lotta e senza diventare opposizione al governo Lula. Quello che vogliono i settori conservatori e di destra è un processo di radicalizzazione dei movimenti sociali contor il governo per esigere da questo la repressione e screditarlo di fronte al popolo. In questo modo la destra raggiungerebbe i suoi obiettivi e guadagnerebbe su due versanti: controllerebbe la crescita della lotta sociale e diffamerebbe il governo.

Per questo la Marcia Nazionale per la Riforma Agraria può giocare un ruolo importante per modificare le condizioni date in relazione alla riforma agraria. Quello che si vuole è che siano riassunti gli obiettivi del Piano Nazionale di Riforma Agraria e gli impegni del governo Lula di insediare 430.000 famiglie, realizzare un programma di credito speciale per queste famiglie e un programma di realizzazione di agroindustrie nelle aree di insediamento.

Dall'estero continuiamo a ricevere appoggio sia in forma di aiuto economico, con molti gruppi che realizzano feste e campagne di raccolta dei fondi, sia in forma di appoggio politico con la programmazioni di azioni nei consolati e nelle ambasciate brasiliane. La manifestazione a Washington (22 aprile) ha avuto un grande impatto nella stampa brasiliana.

Continuiamo a ricevere contributi in denaro nel conto creato appositamente per la marcia (vedere in basso) e sappiamo che altri contribuiranno nei prossimi giorni. Questo è importante perché ci permette di avere un'idea di quel che potremo ricevere e pianificare meglio le nostre spese. Avvicinandosi la data della marcia i contratti devono essere chiusi e le spese si intensificano. La prossima settimana avremo già la possibilità di inviare informazione sui contributi ricevuti.

Vogliamo manifestare fin da ora la nostra soddisfazione per gli sforzi e la solidarietà di compagni e compagne che nelle più diverse parti del mondo, appoggiano la lotta dei senza terra del Brasile e vogliono farne parte contribuendo in qualche modo alle nostre azioni.

Un forte abbraccio in nome del MST,
João Pedro Stedile / Egidio Bruneto
P/Direção Nacional do MST

Judite Strozake / Dulcinéia Pavan
P/Secretaria Nacional e Setor de Relações Internacionais do MST

Conto bancario per inviare donazioni per la marcia:
Banco: Itaú
Agencia número: 0644
Conta Corrente número: 54328-2
NOME: Associação Grito dos Excluídos Continental / Marcha
Código SWIFT: ITAUBRSP